Perugia, 24 febbraio 2018 – ore 14 – antistadio “R.Curi” – 19^ giornata Campionato Primavera 2 Tim

PERUGIA: Cucchiararo, Santini, Martinelli, Achy, Ceccuzzi, Pietrangeli, Konate, Settimi (30′ st Sbordone), Loffredo (1′ st Traore), Amadio, Orlandi. A disp.: Bocci (GK), De Maio (GK), Pessot, Barbarossa, Anello, Ranocchia, Bagnolo. All. Mancini

PALERMO: Guddo, Mazza, Tarantino, Gallo M., Paula Da Silva, Ambro, Rizzo (40′ st Sicuro), Calivà (27′ st Silva Marques), Cannavò, Santoro, Gallo A. A disp.: Belladonna, De Marino, Mendola, Di Paola, Lucera, Mazzara, Birligea. All. Scurto

ARBITRO: Marco Ricci di Firenze (Luca Testi e Dario Garzelli di Livorno)

NOTE: ammoniti Martinelli e Ceccuzzi

PERUGIA – Finisce 0-0 il confronto fra Perugia e Palermo. Gara con poche emozioni anche se i biancorossi hanno cercato con maggior convinzione la vittoria contro una squadra, il Palermo seconda in classifica, che ha chiuso tutti gli spazi senza però risultare incisiva in attacco. Terzo risultato utile consecutivo per il Perugia (1 vittoria e 2 pareggi) che rimane comunque in zona play-off. Primo 0-0 in stagione per il gruppo di Mancini e seconda gara da inizio campionato che si chiude senza reti all’attivo.

Nei primi minuti subito Grifoni in attacco e al 14′ prima occasione con Loffredo che viene chiuso dall’uscita del portiere. Al 18′ cross di Santini in area, Loffredo spalle alla porta si gira ma viene murato dai difensori ospiti, riprende palla Settimi che ci prova con un destro da fuori area ma il portiere para a terra. Poco dopo tiro di Amadio dal limite, palla fuori. Al 26′ si fa vivo il Palermo con un colpo di testa di Antonino Gallo, fuori. Al 29′ grande parata a mano aperta di Cucchiararo che nega il gol di testa a Cantavo. Sul finire del tempo ancora Perugia in attacco, cross di Orlandi, il portiere non trattiene ma la difesa libera.

Nella ripresa in campo Traore al posto di Loffredo. Grifoni che comandano il gioco anche con buone trame ma non riescono a trovare spazi perché i rosanero si chiudono e ripartono in contropiede. Le due occasioni più nitide capitano sui piedi di Amadio che non inquadra la porta da posizione favorevole. Proprio nel finale al 45′ Gallo entra in area ma non tira favorendo il recupero dei difensori biancorossi. Sul successivo calcio d’angolo Ambro di testa manda alto. Si chiude qui la gara.

In classifica, Perugia che sale a quota 25 (7° posto insieme al Frosinone che deve ancora riposare) mentre il Palermo va a quota 33 mantenendo il 2° posto insieme all’Ascoli. Nel prossimo turno scontro diretto contro il Crotone avanti di un punto in classifica e al 4° posto.

“Primo tempo equilibrato ma abbiamo avuto molte occasioni per fare gol – spiega nel post partita Nicola Pietrangeli – nel secondo tempo le squadre si sono allungate continuando comunque a dominare, purtroppo non siamo riusciti a sbloccare il risultato. Il nostro obiettivo restano i playoff, ora andiamo a vincere a Crotone”.

“Prestazione ottima dei ragazzi – commenta mister Mancini – nei primi 25 minuti e per tutto il secondo tempo la squadra ha giocato e avuto le sue occasioni. Non dimentichiamoci che di fronte avevamo una compagine forte come il Palermo. Siamo soddisfatti anche se alla fine è venuto fuori un pareggio”.

“Partita equilibrata – dichiara il tecnico del Palermo, Giuseppe Scurto – sapevamo della forza del Perugia che ha delle individualità importanti. Credo che alla fine il pareggio sia giusto. Il nostro obiettivo rimane in primis quello di far crescere i ragazzi mentre sul fronte della classifica c’è grande equilibrio con 8-9 squadre che possono ambire ai play-off. La riforma di questo campionato era necessaria per alzare il livello della competizione”.

PROSSIMO TURNO: Crotone-Perugia, sabato 3 marzo