Perugia, 27 gennaio 2018 ore 11:30 – antistadio “R.Curi” – 15^ giornata Campionato Primavera 2 Tim

PERUGIA: Bocci, Santini (19′ st Sbordone), Berci, Achy, Ranocchia, Patrignani, Konate, Ceccuzzi, Orlandi (34′ st Barbarossa), Amadio (47′ st Settimi), Traore. A disp.: Cucchiararo (GK), Pessot, Anello, Martinelli, Subbicini, Bagnolo, Loffredo. All.: Mancini.

CAGLIARI: Daga, Kouadio, Pitzalis, Antonini Lui, Marongiu, Cadili, Tetteh (1′ st Fini), Porcheddu, Camba (28′ st Devishi), Mastromarino, Doratiotto. A disp.: Cabras, Porru, Molberg, Sanna, Corda. All. Canzi

ARBITRO: Pashuku di Albano Laziale (Spensieri di Genova e Rizzotto di Roma 2)

RETI: 4′ st Doratiotto (C), 23′ st Patrignani

NOTE: giornata soleggiata, presenti 100 spettatori. Ammoniti Patrignani, Doratiotto

PERUGIA – La Primavera inizia il girone di ritorno con un pareggio per 1-1 contro la capolista Cagliari. Un punto meritato per quello che si è visto in campo, con entrambe le squadre che hanno provato a creare gioco. Meglio il Perugia nel primo tempo, il Cagliari nel secondo. Esordio stagionale per Konate e, nella ripresa, per il nuovo acquisto Sbordone, arrivato dalla Juventus.

Pronti via e subito Orlandi si libera bene in area e con un destro a giro chiama alla parata il portiere Daga. Risponde il Cagliari con un tiro di Tetteh bloccato in due tempi da Bocci. Poi è Traore a provarci due volte nel giro di un minuto, prima manda fuori da dentro l’area, poi il tiro rasoterra vene bloccato dal portiere. Al 19′ tiro di Konate dal limite, palla fuori. Al 30′ punizione a giro di Marongiu, Bocci in tuffo blocca la sfera. Il Perugia attacca e un’incursione di Ceccuzzi viene deviata da un difensore a pochi metri dalla porta. Il primo tempo finisce qui.

Nella ripresa gli ospiti iniziano meglio e dopo quattro minuti passano in vantaggio con Doratiotto che dalla sinistra si accentra e con un sinistro preciso dal limite dell’area manda la palla nell’angolino basso dove Bocci non può arrivare. I Grifoni reagiscono, prima con Orlandi il cui destro a giro termina frutti, poi con il neo acquisto Sbordone che ha una grande opportunità in area, stop di petto e tiro che finisce alto sopra la traversa. Al 24′ il gol del pareggio. Sugli sviluppi di una punizione la palla arriva a Patrignani che dai 25 metri lascia partire un destro potente che viene leggermente deviato infilandosi a fil di palo sotto l’incrocio spiazzando Daga. Quarto gol in questo campionato per il capitano della Primavera che aveva segnato anche all’andata e sempre con una deviazione. Al 33′ episodio dubbio in area biancorossa, Doratiotto si presenta solo davanti a Bocci, prova a superarlo ma cade. L’arbitro non reputa fallo e ammonisce il giocatore sardo per simulazione tra le proteste dalla panchina di mister Canzi. Qualche calcio piazzato nel finale crea un po’ di apprensione alla difesa del Perugia che non lascia spazi. Finisce 1-1.

In classifica, il Perugia sale a quota 20 punti ma ha già riposato mentre il Cagliari mantiene il comando con 32 punti.

“È stata una gara difficile ma il pareggio è meritato – spiega a fine gara il marcatore di giornata nonché capitano Rocco Patrignani – nel primo tempo dovevamo vincere 2 o 3 a zero mentre nella ripresa, dopo il loro gol, abbiamo avuto una grande reazione. Voglio salutare con grande affetto Kouan che fino a poco tempo era con noi. Gli ho scritto due messaggi prima di queste due partite e ha segnato due gol, lo farò anche per la prossima..Il nostro obiettivo sono i play-off e faremo di tutto per vincerli ma dobbiamo continuare a lavorare”.

“Complimenti ai ragazzi per la prestazione – dichiara il tecnico Luciano Mancini – ottenuta contro la squadra prima in classifica che ha confermato di essere un’ottima compagine. Primo tempo giocato bene mentre nella ripresa ci siamo ripresi dopo il gol subìto. Oggi ha esordito Konate, un altro ragazzo di prospettiva come ce ne sono in questo gruppo. Vedere Kouan esordire in prima squadra è stata una grande soddisfazione per tutti noi dello staff, si è sempre allenato con determinazione e applicazione, se lo è meritato”.

“Nella prima frazione meglio il Perugia che ha tenuto in mano il pallino del gioco – ha confermato il tecnico del Cagliari Massimiliano Canzi – nel secondo tempo la musica è cambiata anche se sarebbe stato ingiusto se avessimo vinto. Certo, a mio avviso sulla gara pesa quell’episodio del rigore..Il nostro obiettivo, visto il girone di andata, è quello di proseguire su questa strada provando a restare primi fino alla fine. Sulla riforma del campionato Primavera penso che tecnicamente il livello è calato leggermente ma condivido la formula delle promozioni e retrocessioni che danno stimoli e aiutano i ragazzi a prepararsi per queste gare importanti”.

PROSSIMO TURNO: Benevento-Perugia, sabato 3 febbraio

Ecco i migliori momenti della partita: https://www.facebook.com/acperugiasettoregiovanile/posts/1031145387023762