Carini (PA), 21 ottobre 2017 ore 15 – centro sportivo ‘Pasqualino” – 6^ giornata Campionato Primavera 2 Tim

PALERMO: Guddo, Mazza, Gallo A., Gallo M., Mansueto, Paula Da Silva, Santoro (40′ st Brasile), Ambro, Cannavo (29′ st Lucera), Silva Marques, Rizzo (25′ st Mendola). A disposizione: Bruno, Gambino, Romano, De Marino, Tarantino, Calivà, Di Paola, Birligea, Mazzara. Allenatore: Giuseppe Scurto.

PERUGIA: Cucchiararo, Patrignani, Berci, Achy, Ceccuzzi, Pessot, Settimi (14′ st Barbarossa), Panaioli, Loffredo, Amadio (43′ st Orlandi), Traore. A disposizione: De Maio, Bagnolo, Della Morte, Ranocchia, Santini, Torregrossa, Pietrangeli. Allenatore: Luciano Mancini.

ARBITRO: Fabio Pasciuta di Agrigento (Lorenzo Poma di Trapani e di Antonio Latomia Agrigento)

RETI: 9′ st Cannavo (PA), 30′ st Loffredo, 45′ st (rig.) Silva Marques (PA)

NOTE: espulso al 46′ st Barbarossa per proteste. Ammoniti Ceccuzzi e Patrignani

PALERMO – Un rigore discusso concesso dall’arbitro Pasciuta di Agrigento al 45′ st condanna il Perugia alla sconfitta 2-1 contro il Palermo, la seconda consecutiva dopo quella contro il Bari. Il pareggio poteva essere il risultato più giusto viste le occasioni create da entrambe le squadre.

Primo tempo equilibrato anche se Loffredo dopo pochi minuti fallisce una clamorosa occasione davanti a Guddo che arriva a deviare il tiro con la punta delle dita.

Nella ripresa il vantaggio di Cannavo che su una palla rimessa in area di rigore è più lesto di tutti e batte Cucchiararo. Il Perugia reagisce con Traore e Amadio che hanno due occasioni per pareggiare ma non inquadrano la porta. Al 30′ discesa sulla fascia di Berci e perfetto cross per Loffredo che di testa fa 1-1. Terzo gol stagionale per l’attaccante proveniente dal Grosseto. Allo scadere dei tempi regolamentari l’episodio dubbio che cambia la partita con il rigore assegnato ai rosanero e che Silva Marques trasforma. Nell’occasione Barbarossa viene espulso per proteste. Finisce così 2-1 per il Palermo.

In classifica il Perugia rimane a quota 9 punti ed ha già riposato mentre il Palermo, che deve ancora riposare, sale a quota 10.

“Siamo amareggiati e anche un po’ arrabbiati – commenta a fine partita il tecnico Mancini – il rigore concesso al Palermo ci lascia parecchi dubbi. Sconfitta ingiusta, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto viste le occasioni che abbiamo avuto. Ora però dobbiamo lasciarci tutto alle spalle perché mercoledì si torna nuovamente a giocare”.

“Buona partita – spiega a caldo il difensore Dan Berci – e ci dispiace per la sconfitta, nel rigore non è stata presa la decisione giusta. Abbiamo attaccato sia nel primo che nel secondo tempo disputando una bella partita. Sono contento personalmente per aver dato l’assist per il gol di Loffredo. Siamo un bel gruppo, continuiamo così”.

Ora c’è da pensare al prossimo impegno ovvero il 2^ turno eliminatorio di Tim Cup contro il Cittadella in programma mercoledì 25 ottobre ore 14.30 all’antistadio “R.Curi”.

PROSSIMO TURNO: Perugia-Crotone, sabato 28 ottobre (7^ giornata Campionato Primavera 2 Tim)