A poche ore dalla prima sfida del 2020 mister Migliorelli suona la carica in vista del prosieguo del girone di ritorno.

Giovanni Migliorelli è al suo primo anno da allenatore della Primavera ma già al terzo con i colori biancorossi addosso: “Questi anni li porto incisi nel cuore. Il Perugia mi ha dato l’opportunità di fare quello che amo fino ad arrivare ad di allenare la Primavera, un sogno. Quando parlo di Perugia mi vengono i brividi, un’esperienza umana e professionale importantissima”. L’attuale allenatore della Primavera arrivò a Perugia per allenare il settore giovanile: “Io sono innamorato del settore giovanile. L’allenatore deve trasmettere la passione per il gioco al di là del risultato. Se siamo bravi in questo, chi allenerà i più grandi troverà qualche vantaggio in più. Non è facile perché la competizione, per sua stessa natura, ti rende competitivo. Nel settore giovanile bisogna avere tempo, calma e passione. Bisogna amare il settore giovanile e non vederlo come un trampolino di bilancio sennò si rischia di inquinare tutto”.

A proposito dei più grandi, la Primavera si è da poco confrontata con la prima squadra in un allenamento congiunto: “Per noi è stato un momento di crescita importante. Per rendere la cosa funzionale a tutti dovevamo dare più del 100% perché volevamo creare le condizioni di mettere un po’ di sostanza nell’allenamento della prima squadra. Dando più del 100% ovviamente riusciamo ad allenarci meglio anche noi”.

Sabato riparte il campionato in casa contro il Benevento: “I nostri punti fermi sono quelli che ci hanno contraddistinto fin dal primo giorno che ci siamo visti: la voglia di far bene e giocare l’uno per l’altro, aiutarsi, risolvere i problemi con grande serenità, lo spirito di sacrificio. Ai ragazzi chiedo spesso di non perdere di vista da dove siamo venuti e i nostri punti guida: umiltà e voglia di migliorare continuamente. Il Benevento è una squadra forte allenata bene, al di là di quello che dice la classifica. Hanno individualità importanti e il collettivo gioca un calcio propositivo e di qualità. Dobbiamo essere concentrati su quello che stiamo preparando. Ci faremo trovare pronti”.

Foto Roberto Settonce. Vietata la riproduzione.