Sant’Egidio alla Vibrata (TE), 9 dicembre 2017 ore 14:30 – stadio Comunale Secondario – 12^ giornata Campionato Primavera 2 Tim

ASCOLI: Colantonio, Ricciardi, Perri, Clerici (44′ st Pellicanò), Diop, Vignati, Perpepaj (1′ st D’Agostino), De Angelis, Tassi, Mataloni, Di Francesco (39′ st Da Col). A disp.: Perfetti, Baraboglia, Modesti, Capponi, Invernizzi, Minchillo, Zimbardi, Millozzi, Facchini. All.Di Mascio

PERUGIA: Bocci, Patrignani, Berci, Achy, Ceccuzzi (25′ st Ranocchia), Pietrangeli, Settimi (29′ st Bagnolo), Panaioli, Orlandi (6′ st Anello), Amadio, Traore. A disp.: Cucchiararo, Pessot, Barbarossa, Santini, Subbicini. All.: Mancini.

ARBITRO: Feliciani di Teramo (Basile di Chieti – Marinenza di L’Aquila)

RETI: 8′ pt e 6′ st Mataloni, 19′ st Di Francesco, 25′ st Traore (P)

NOTE: ammoniti Achy, Orlandi, Patrignani, Panaioli, Amadio, De Angelis, Mataloni

ASCOLI – La Primavera del Perugia viene sconfitta 3-1 in casa dall’Ascoli. Tardiva la reazione della squadra di Mancini che solo dopo il 3-0 ha avuto uno scatto d’orgoglio creando varie occasioni. Gara condizionata anche dal forte vento.

Ritmi elevati ad inizio gara e dopo un’occasione per parte ecco il vantaggio locale dopo otto minuti. Azione insistita di Clerici che dalla destra mette in area un cross basso raccolto da Mataloni che in due tempi mette dentro la rete dell’1-0. Risposta del Perugia con Ceccuzzi che, dal limite dell’area di rigore, esplode un destro respinto dal portiere Colantonio. L’Ascoli crea altre occasioni con Clerici e Tassi ma Bocci è attento e blocca le conclusioni. Sul finire del tempo ancora Clerici si invola verso la porta, dribbla il portiere e da posizione defilata coglie il palo.

Nella ripresa ancora i padroni di casa si rendono pericolosi con Tassi che a due passi dal portiere spreca tutto mandando alto. È il preludio al gol che arriva dopo 6 minuti: punizione dalla destra altezza della bandierina, cross tagliato di Tassi che trova la spizzata di Perri deviata sotto misura da Mataloni che batte per la seconda volta Bocci. Per i biancorossi ci prova Traore con un tiro da dentro l’area, palla sul palo. Al 19′ contropiede avviato da Clerici che serve Di Francesco che solo davanti a Bocci fa 3-0. A questo punto il Perugia ha una reazione d’orgoglio. Ci prova ancora Traore su punizione, blocca facile Colantonio. Al 25′ grande azione dei giocatori biancorossi con 6-7 passaggi di prima, cross dalla sinistra di Ranocchia e questa volta l’attaccante della Costa D’Avorio colpisce al volo e batte il portiere accorciando le distanze, 3-1. Cinque minuti più tardi grande parata di Colantonio su un tentativo ravvicinato di Amadio.

Nei minuti finali c’è un palo per parte: ancora Tassi, da posizione defilata, cerca di mettere il pallone tra il palo e il portiere ma la sua conclusione impatta sul legno mentre nei minuti di recupero la punizione a giro di Ranocchia sbatte sulla traversa. L’ultima occasione è ancora per i biancorossi, prima salva Perri in scivolata su un tentativo ravvicinato di Orlandi, poi è Colantonio a mandare in angolo il tentativo di Anello. Da segnalare anche un possibile rigore su Panaioli non concesso dall’arbitro. Il Perugia ha chiuso la gara con sei ragazzi classe 2000 e un 2001.

Con questa vittoria l’Ascoli sale a quota 17 punti mentre il Perugia rimane fermo a 16.

“Nel primo tempo abbiamo subìto la loro fisicità e anche il vento contrario – spiega amareggiato a fine gara mister Mancini – però nella ripresa abbiamo avuto una reazione sfiorando addirittura il pareggio. Questa sconfitta non ci deve demoralizzare, dobbiamo trarne insegnamento”.

PROSSIMO TURNO: Perugia-Frosinone, domenica 17 dicembre (ultima girone di andata)

Ecco la sintesi della gara: http://bit.ly/2z0iZ6i