Intervista alla giovane calciatrice approdata quest’anno in biancorosso

Lucrezia Di Fiore è una delle nuove arrivate nella grande famiglia del Perugia Calcio Femminile. Nonostante la giovanissima età – 21 anni compiuti da poco – ha già una storia importante alle spalle: “Ho iniziato a giocare a 8 anni con una squadra maschile. Dopo le prime esperienze sono passata al Siena dove sono stata per 4 anni e sono passata dalla Primavera alla serie C. Ci siamo guadagnate anche la promozione in B ma poi la società è fallita, motivo per cui sono andata al Virtus Chianciano e poi all’Arezzo dove ho militato per 3 anni. A settembre sono arrivata a Perugia proprio negli ultimi giorni utili per tesserarsi. Nasco trequartista però per necessità delle squadre dove ho giocato da 6 anni a questa parte mi sono spostata sull’esterno dell’attacco, soprattutto a sinistra ma gioco anche a destra perché calcio bene con entrambi i piedi. Sono una calciatrice tecnica e veloce”.

Con le nuove compagne di squadra si trova benissimo: “Non mi hanno fatta mai sentire a disagio. Purtroppo mi sono infortunata quasi subito e mi hanno sempre aiutata.
Anche con lo staff mi trovo molto bene. Per qualsiasi cosa sono sempre a disposizione. C’è un bellissimo rapporto”.

Un segno del destino, la calciatrice che ha come riferimento ha un passato in biancorosso: “Al Siena ho giocato insieme a Jessica Migliorini che poi andò anche a Perugia. Segnava sempre, la vedevo come il mio idolo. Quando non mi alleno studio Scienze della Formazione ad Arezzo per diventare maestra dell’asilo nido. Mi piace molto anche la fotografia”.