Vercelli, 3 aprile 2018 – Pro Vercelli-Perugia, ecco le dichiarazioni del tecnico Roberto Breda:

“Non è stata una partita facile. Abbiamo giocato su un campo difficile e contro una squadra in salute, bravi i ragazzi a soffrire e a mettere in campo l’atteggiamento giusto per provare a ottenere il massimo. La squadra ha provato fino alla fine a vincerla. Se non avessimo vinto non significava non averci creduto, solo che ogni avversario va tenuto nella giusta considerazione”.

“Quando dico di pensare una partita alla volta, non sono scaramantico, ogni gara è insidiosa e non voglio dare per scontato nulla. In ogni partita abbiamo delle opportunità e noi siamo stati bravi a sfruttarle anche oggi”.

“Ogni partita è diversa, a volte vinci con la manovra in altre devi stringere i denti. L’importante è capire sempre che arma usare, a volte bisogna andare con il fioretto, in altre con la mazza. Lunedi andremo ad Avellino, ci aspetteranno con il coltello tra i denti e con un nuovo allenatore”.

“Sono contento per Di Carmine, per un attaccante è importante il gol, ultimamente aveva fatto prestazioni importanti ma senza reti”.

“Dobbiamo restare concentrati ed uniti, senza esaltarci con facili entusiasmi. Più siamo uniti e più possiamo far male. Il campionato è ancora aperto, nessuno, a parte l’Empoli, è sicuro di niente. Penso a stasera: se non avessimo vinto chissà quali sentimenti avrebbero prevalso. Non dobbiamo commettere questo errore”.

“Pajac? Resterà fuori ancora un po’ ma abbiamo alternative. Germoni ha fatto bene anche oggi”.

(credit photo Roberto Settonce, riproduzione vietata)