Più di 3.000 persone presenti allo stadio Renato Curi arrivate da tutta Italia in occasione dei tre giorni di torneo

Si è conclusa nella splendida cornice dello stadio Renato Curi la settima edizione dell’Academy Cup, stagione 2019. Anche quest’anno l’evento si è confermato tra i più suggestivi grazie alla grande partecipazione delle società affiliate al club biancorosso. Il Torneo ha visto la presenza, infatti, di 54 società provenienti da tutta Italia che, a partire dalla giornata di giovedì, si sono ritrovate nel capoluogo umbro per dare inizio alla manifestazione. Lo spettacolo si è fatto vedere sin dai primi calci che sono stati dati al pallone nei campetti da calcio delle Società affiliate ospitanti. Dentro e fuori dal terreno di gioco i ragazzi, circa 1.000 e appartenenti alle categorie 2008 e 2009, hanno corso, si sono divertiti, hanno stretto nuove amicizie mettendo in mostra le proprie capacità calcistiche.   

Durante il Torneo sono stati assegnati tre premi fair play dedicati “al gesto”, alla “correttezza” e alla “creatività”. A ricevere il premio per il miglior gesto sono stati i genitori di una società affiliata che erano seduti sugli spalti durante la prima giornata del torneo. Il loro comportamento può essere tradotto in lealtà e sportività poiché hanno fatto annullare un gol che, per colpa di un effetto ottico, era stato assegnato alla squadra dove giocavano i loro figli. Il premio alla correttezza è stato dato allo staff, ai dirigenti e ai piccoli calciatori della società che è emersa per la qualità della sportività dimostrata dentro e fuori dal campo. Infine il premio creatività assegnato ad una società di Roma che si è contraddistinta per la sua tifoseria folcloristica. A tutte le squadre partecipanti sono state date in omaggio targhe commemorative in ricordo di questa splendida esperienza.

Nella giornata di sabato l’atto finale del torneo. Fin dalle prime ore del mattino le squadre si sono radunate all’esterno dello stadio Renato Curi per poi fare l’ingresso sul manto erboso dello stadio che per l’occasione era stato diviso in 4 mini campi da gioco. A seguire il minuto di silenzio in memoria di Stefano Cruciani, allenatore del Julia Spello, recentemente scomparso a causa di un tragico incidente.

Due giocatrici della scuola calcio biancorossa hanno letto al microfono la promessa del giovane calciatore. A portare i saluti a tutti i presenti, il sindaci Andrea Romizi e il presidente Massimiliano Santopadre. Ringraziamenti sono stati espressi dal direttore generale e direttore Academy Mauro Lucarini e dal responsabile del settore giovanile Giovanni Guerri.

Alle 9.30 la prima squadra e Mister Nesta hanno salutato tutti i piccoli calciatori e hanno dato il calcia d’inizio alle mini partite.

Ancora una volta l’Academy Cup si conferma uno degli eventi più importanti e organizzati del panorama calcistico umbro.