Il tecnico biancorosso ha svolto nella sala stampa dello stadio Renato Curi la consueta conferenza di vigilia del match

“Quello che conta è occupare bene gli spazi. In queste due partite lo abbiamo fatto bene, siamo stati con il baricentro un po’ più bassi a causa anche dell’avversario. Abbiamo sfruttato al meglio le caratteristiche dei giocatori che sono scesi in campo. Sono contento per i ragazzi che hanno avuto qualche difficoltà all’inizio, stanno venendo fuori e sono convinto che tutti daranno il loro contribuito come ha fatto Melchiorri, o Nicolussi o Balic nell’ultima partita ma anche Mazzocchi. Alla fine spazio ce ne sta per tutti, l’importante è stare sempre sul pezzo, lavorare bene e farsi trovare pronti”.

Sul Cittadella e sulla classifica

“Loro sono una squadra molto compatta in fase di non possesso palla, molto brava sulle ripartenze, sulle seconde palle. Dovremo essere attenti e concentrati. La classifica adesso nemmeno la guardo sinceramente. È vero, fa piacere stare lì ma se non avessimo vinto probabilmente non saremmo stati nemmeno nella grigia dei playoff. Le squadre sono tutte lì. Noi bisogna restare lucidi, questo campionato sarà così fino a marzo poi ci sarà la volata finale. Nostro obiettivo è stare lì, fare punti, avere continuità, una costante crescita e non farci ingannare dall’occhio della classifica”.

Continuità

“La continuità è la cosa più importante, sopratutto in B. Importante è anche non perdere. Quando non vinci anche un punto fa sempre comodo. Ovvio che per dare seguito, continuità e fare accrescere ancora di più l’entusiasmo e le convinzioni dentro lo spogliatoio è necessario fare risultato pieno. Giochiamo in casa, davanti al nostro pubblico, quindi l’obiettivo è quello lì, fermo restando che abbiamo la consapevolezza che affrontiamo una squadra molto ostica. È una di quelle partite dove non dobbiamo farci prendere dalla furia di andare a fare gol. Bisogna attaccare ma con grande equilibrio”.

IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE