Nella mattinata di oggi, al termine della rifinitura, Mister Nesta ha incontrato i giornalisti in occasione della conferenza stampa pre gara

Sabato 27 ottobre i biancorossi sono attesi allo stadio Bentegodi di Verona per il match valido per la 9ª giornata del campionato di Serie BKT, con fischio d’inizio fissato per le ore 18. “Il Verona ha giocatori importanti – afferma Mister Nesta – Noi dobbiamo riconoscere le situazioni in cui possiamo andare a prendere la palla, catturarla e provarci senza aspettare. Dobbiamo saper attaccare e difendere nei momenti giusti. In uno stadio importante come il Bentegodi dobbiamo avere personalità. Se avremo la personalità giusta possiamo giocarcela e provare a portare a casa punti. Come tutte le partite ci saranno momenti migliori e peggiori, dobbiamo dimostrare maturità gestendo al meglio le situazioni in cui caliamo d’intensità. Allo stesso modo, dovremo essere spietati quando ci sentiamo forti”.

Una delle domande non poteva che fare riferimento al parco attaccanti dei gialloblù con particolare riferimento all’ex Di Carmine: “Sappiamo le caratteristiche di Di Carmine senza dimenticare Pazzini che sa attaccare la linea benissimo. Sono giocatori importanti ed a fine campionato portano sempre a casa un bel bottino di gol”.

Alessandro Nesta domani incontrerà anche un suo amico: “Con Fabio Grosso ho bellissimi ricordi, ma quando si gioca non ci sono amici, fratelli o parenti”.

Una menzione particolare a Vlad Dragomir, assente nella partita contro la Salernitana a causa del lutto che ha colpito la sua famiglia la scorsa settimana: “Dragomir appena è tornato a Perugia ci ha chiesto di potersi allenare anche se l’allenamento era finito. É un ragazzo maturo, con grandi ambizioni, e anche nelle situazioni difficili vuole emergere e giocare”.

Infine Mister Nesta ha fatto le congratulazioni ai senatori della squadra: “Sono molto soddisfatto dei senatori. Ad inizio stagione ho detto loro che dovevano far crescere i giovani e così stanno facendo. Gabriel ci ha salvato tante volte, Verre veniva da un infortunio e ora sta tornando in forma”.

Per chiudere, una domanda sul format del campionato: “Con i giocatori non parliamo mai delle situazioni extra-campo. Quello che dobbiamo fare è giocare”.