Partita sfortunata per le ragazze di mister Peverini.

Comincia con la seconda sconfitta in campionato il girone di ritorno del Perugia Calcio Femminile che alle 14:30 di domenica 27 gennaio ha ospitato il Riccione all’antistadio Renato Curi. Le romagnole partono forte e nel primo quarto d’ora centrano una traversa e ottengono un calcio di rigore che Marroccoli para con un grande intervento. Nella ripresa il Perugia ha costantemente il pallino del gioco senza riuscire però a trovare la via della rete. Nell’ultimo quarto d’ora si gioca a una porta sola e quando ormai il match sembra destinato ad un pareggio senza reti il Riccione in contropiede beffa le padrone di casa.

È naturalmente delusa mister Vania Peverini dopo l’inaspettato stop casalingo per mano del Riccione, frutto di un atteggiamento un po’ impaurito delle grifoncelle nella prima frazione di gioco: «Abbiamo iniziato un po’ influenzate dalle tossine che ci portavamo dietro dalla gara contro il Pontedera. Devo dire che anche gli episodi non ci vanno per il verso giusto. Abbiamo finito il primo tempo in parità dopo che il Riccione ha avuto l’opportunità per segnare su rigore, ma Marroccoli è stata molto brava a parare. I primi minuti di gara sono stati difficili, le ragazze erano in confusione e bloccate. Poi ci abbiamo provato in tutti i modi e maniere ma se non deve essere giornata c’è poco da fare». Nel secondo tempo si è visto tutto un altro Perugia: «Siamo entrate con una cattiveria diversa, ma nel finale dopo una nostra enorme occasione per segnare con una grande parata del loro portiere, siamo state punite in contropiede». Un ko che fa male, ma che non deve cancellare quanto di buono fatto finora: «Sicuramente dobbiamo ripartire facendo tesoro anche di questa esperienza, analizzarla e vedere le cose che non funzionano e ripartire da quelle che ci hanno portato ad essere quelle che siamo, perché sicuramente non sono queste ultime due partite a rendere merito ad una squadra che raccoglie molto meno di quello che crea, semina e propone sul campo. Dobbiamo risollevarci e crederci ancora di più anche perché non può piovere per sempre. Sono convinta che con il lavoro, volontà, umiltà e sacrificio verremo fuori da questo momento per affrontare nel migliore dei modi la Jesina nel prossimo incontro».

PERUGIA: Marroccoli, Zelli, Serluca (40’st Venia), Fiorucci C., Ferretti, Marchesi (40’st Alessi), Tuteri, Brozzetti (20’st Bianconi), Fiorucci G. (20’st Sulpizi), Ceccarelli, Timo (10’st Bylykbashi). A disposizione: Baylon, Petrarca, Rosmini, Franciosa. All. V. Peverini.

RICCIONE: Meletti, Della Chiara, Urbinati, Gostoli, Rodriguez, Dominici, Ligi (41’pt Semprini), Perone, Marcattili (38’st Riceci), Fratini, Esposito (25’st Sommella). A disposizione: Giorgi, Sintini, Barocci, Giardina, Arcangeli. All. F. Migani.

Arbitro: Verrocchi della sezione di Sulmona.

Reti: 47’st Sommella.

Note: ammonita Brozzetti al 15’pt.