Il direttore generale A.C. Perugia Calcio domenica 23 settembre ha assistito alla vittoria che ha permesso alle ragazze di passare il turno di Coppa Italia.

È stata una domenica con tanto di sorpresa per le ragazze biancorosse nella difficile trasferta di Jesi vinta contro le padrone di casa. Si è trattato del secondo successo consecutivo dopo quello per 4-0 nella gara d’esordio a Perugia.

“Ho avuto un momento di difficoltà prima di andare – scherza il Dg – con il pericolo di un risultato negativo, chissà quante me ne avrebbero dette!”.

Invece tutto è andato alla perfezione, e le Grifoncelle di mister Vania Peverini hanno sfoderato una prestazione maiuscola: “Sosno state bravissime, nonostante il caldo e il buon livello delle avversarie hanno mostrato una determinazione e una personalità davvero eccellente. L’approccio alla gara è stato perfetto. Ci tenevo particolarmente ad essere presente sia a livello personale che a livello societario perché crediamo che insieme si possa creare una realtà di qualità e duratura nel tempo”.

Il progetto Perugia Calcio Femminile nasce da un embrione che andava avanti da diverso tempo: “Sono 4-5 anni che si collabora con la Grifo, la prima affiliazione al Progetto Football Academy A.C. Perugia in colore rosa nel territorio nazionale è stata proprio la nostra. Con Valentina Roscini si sono condivisi tutti i programmi a livello giovanile con risultati importanti. Partendo da queste basi abbiamo deciso di fare un passo in avanti grazia all’importanza del progetto femminile sposata dalla società e dal Presidente Massimiliano Santopadre. Siamo convinti che nel tempo a trarne benefici sarà tutto il movimento”.

Tornando al campo, dopo il passaggio del turno di Coppa Italia (gli ottavi di finale si giocheranno a dicembre) ora testa al campionato di Serie C girone C che prenderà il via il 14 ottobre con la trasferta di Riccione: “L’esordio è sempre pieno di insidie ma abbiamo la certezza di fare bene e disputare un buon campionato da protagonisti. Vincere fa sempre piacere ma sappiamo che non sarà facile, gli ingredienti ci sono tutti al momento: bel gioco, un gruppo amalgamato fatto di brave ragazze oltre che ottime calciatrici, e con loro uno staff tecnico dirigenziale di prim’ordine. Con un mix così unito il nome di Perugia sarà ben rappresentato in tutta Italia e chissà che non ci regali qualcosa d’importante”.