Parma, 18 febbraio 2018 – Queste le parole di Raffaele Bianco al termine di Parma-Perugia.

”Sono partito molto contratto, non un avvio dei migliori da un punto di vista tecnico, poi nel secondo tempo sono cresciuto come tutta la squadra. Peccato per la mancata vittoria che era il nostro obiettivo. Loro nel finale hanno messo molti attaccanti e ci sta il pareggio. Ci prendiamo comunque questo punto che ci fa lavorare con più serenità in vista di due gare difficilissime. Anche loro venivano da un momento delicato e ci prendiamo il punto”.

“Perugia diverso fuori casa? Ci succede in casa che volendo fare troppo poi abbiamo rischiato tanto. Venire a Parma e provare a vincere la partita non era facile ma abbiamo voluto dare un segnale a tutti. In casa devi spingere cercando di mettere la gara sui binari giusti ma devi allo stesso tempo stare molto attento sulle eventuali ripartenze avversarie. Al ‘Curi’ proprio per la troppa voglia di fare e la poca esperienza abbiamo preso delle batoste. Anche con la vecchia gestione dopo l’ottimo inizio di campionato ci è mancato l’equilibrio”.

“Magnani ha fatto una partita strepitosa. Non dimentichiamoci che era il suo esordio in Serie B, anche se l’avversario ci ha messo tutta l’esperienza possibile per prendersi quel rigore. Lo prendi o no in in scivolata l’arbitro puo fischiare il rigore”.

“La squadra è forte ed ha nelle sue corde la forza di lottare per posizioni di vertice. A volte però la paura fa brutti scherzi. Una vittoria con il Palermo può aiutarci per la lotta play-off”.